Warning: mysql_pconnect(): Headers and client library minor version mismatch. Headers:50562 Library:50644 in /var/www/vhosts/developideas.biz/httpdocs/Connections/mydb.php on line 12
Develop Ideas - Blog/News

Blog/News

Obsolescenza, nuovo disegno legge

Esiste un disegno di legge presentato al Senato che mira a modificare il codice del consumo al fine di identificare e limitare le conseguenze della cosiddetta obsolescenza programmata di un bene. Il ddl sta facendo il suo percorso, ma Samsung Italia avverte: “I prezzi aumenterebbero.”
 
Le recenti vicissitudini politiche dell’Italia hanno avuto effetti sui lavori delle istituzioni che, sebbene avrebbero comunque sospeso la maggior parte delle attività per il periodo estivo, hanno subìto un rallentamento considerevole nel periodo della crisi di governo. Ora che tutto è ripreso, il Senato si ritrova alle prese con il Disegno di Legge n. 615, presentato a luglio 2018 per iniziativa Parlamentare dal senatore Gianluca Castaldi (M5S) e il cui astratto recita così: “Modifiche al codice di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e altre disposizioni per il contrasto dell'obsolescenza programmata dei beni di consumo.”
 
La lotta della politica all'obsolescenza programmata
Il ddl si pone quindi il compito di modificare il codice del consumo per arginare quel comportamento delle aziende produttrici dei beni che, secondo i nostri rappresentati politici, mira a creare un’obsolescenza dei prodotti programmata nel tempo.
 
L’art. 1 del testo che propone la modifica inizia proprio dall’identificazione del significato del termine “obsolescenza programmata”, ovvero: “per «obsolescenza programmata» si intende l'insieme di tecniche e di tecnologie tramite cui il produttore, […] nella progettazione di un bene di consumo, volutamente accorcia la vita o l'uso potenziale del medesimo bene, al fine di aumentarne il tasso di sostituzione.”
 
Elenca poi una serie di definizioni aggiuntive che fotograferebbero la manifestazione dell’obsolescenza, e quindi fa riferimento all’impiego di tecniche di costruzione o di materiali aventi l’effetto di rendere difficoltosa o onerosa la riparazione del bene, o di imporre la sostituzione di un suo componente dopo un determinato periodo di tempo, oppure di utilizzare software o sistemi operativi per peggiorare le condizioni generali del bene e il suo funzionamento.
 
Quando Apple e Samsung crearono il caso
Soprattutto quest’ultima parte sul software fa tornare alla mente alcuni episodi verificatisi agli inizi del 2018, quando cioè Apple e Samsung vennero prese di mira dall’Antitrust per pratiche commerciali scorrette legate agli aggiornamenti software. Per Apple, contribuì il caso degli iPhone “depotenziati” a causa dell’usura delle batterie. Per Samsung, gli aggiornamenti a Marshmallow di Note 7 che condussero in alcuni casi a malfunzionamenti e riparazioni fuori garanzia.
 
Il disegno di legge nacque proprio nel periodo che andò dall’indagine dell’Antitrust alla multa comminata dallo stesso ad Apple e Samsung, dopo averle ritenute colpevoli. 10 milioni di euro per Apple e 5 milioni di euro per Samsung.
 
Il disegno di legge nel dettaglio
In questo momento, il ddl si trova al vaglio della Commissione Industria. Se nel corso dei suoi passaggi riuscisse a diventare legge senza alcun’altra modifica, i diritti degli acquirenti guadagnerebbero queste non indifferenti variazioni: “riparazioni a costi accessibili dei prodotti e dei servizi” acquistati; assistenza tecnica per il tutto il periodo di commercializzazione del bene e, in più, per un periodo ulteriore "pari alla durata della garanzia legale".
 
Nel caso di beni di uso domestico funzionanti con qualsiasi tipo di energia, dunque elettrodomestici, ma quindi anche smartphone, o tablet, o laptop – e l’elenco sarebbe infinito - al termine della produzione di un dispositivo, i pezzi di ricambio funzionali saranno disponibili sul mercato per almeno 5 anni se di valore inferiore a 60 euro; per almeno 7 anni per le parti di ricambio funzionali se il loro valore ha un prezzo superiore ai 60 euro. Per i ricambi puramente estetici, devono essere previsti ricambi per almeno due anni.
 
In ogni caso - e quindi non solo per i beni alimentati a energia - il produttore o l’importatore dovranno rendere disponibili i pezzi di ricambio per 5 anni una volta terminata la produzione di un bene di carattere duraturo, oltre che garantire un adeguato servizio tecnico per lo stesso periodo.
 
Nel caso un prodotto risulti difettoso, se oggi il consumatore ha due anni dall’acquisto per chiederne la sostituzione, con la modifica del ddl si passerebbe a 5 anni per i beni e gli elettrodomestici di piccole dimensioni e addirittura 10 anni per i bene e gli elettrodomestici di grandi dimensioni.
 
I manuali di istruzioni dei prodotti dovranno anche indicare informazioni precise sulla durata di vita del bene.
 
Il Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti avrà il compito di monitorare le aziende per conto dei consumatori. Potrà effettuare ispezioni "negli stabilimenti di produzione e confezionamento, nei magazzini di stoccaggio e magazzini di vendita". Oltre che "controlli a campione sui beni". Avrà anche il diritto di chiedere "alle autorità competenti" il ritiro e addirittura la distruzione del prodotto non conforme alle norme.
 
Il ddl introduce anche pene e sanzioni in caso di mancato rispetto delle norme. Il produttore o il distributore di beni "è punito con la reclusione fino a due anni e con una multa di 300.000 euro se ha ingannato o tentato di ingannare il consumatore". La multa può essere aumentata “in modo proporzionale ai benefìci derivanti dalla violazione considerando il fatturato medio annuo relativo al bene di consumo, calcolato in base agli ultimi tre fatturati annui”.
 
Samsung: Se aumentano le garanzie, aumentano i prezzi
Samsung Italia, che il 16 luglio di quest’anno ha anche partecipato alle audizioni informali legate al ddl (qui il video), non si dice contraria alle possibili nuove regole in materia, ma chiede però che siano “precise ed equilibrate”.
 
Samsung ha tenuto a specificare che le procedure di aggiornamento dei software sono calibrate abilmente in modo da non impattare sul funzionamento degli smartphone. E chiede che un costruttore di smartphone come di altri prodotti elettronici sia sanzionato dalla legge italiana solo quando viene dimostrata la sua volontà di danneggiare un bene. Quindi, secondo Samsung, spetta al consumatore dimostrare il dolo da parte del produttore attraverso “perizie tecniche”.
 
In merito all’estensione della garanzia di 5 anni e addirittura 10 anni per i grandi elettrodomestici, Samsung non riesce a capire in che modo venga stabilita la differenza tra le due categorie e, soprattutto, aggiunge: “I prezzi dei prodotti potrebbero plausibilmente aumentare significativamente, a detrimento del consumatore.”
 
L’aumento dei prezzi sarebbe causato anche dalla necessità di conservare in magazzino i pezzi di ricambio dei prodotti per un periodo più lungo, con i costi di gestione dei magazzini che diventerebbero importanti.

Torna alle News

Dal nostro Portfolio

Vedi tutto

Vuoi un
preventivo?

Sviluppo siti web, app mobile, e-commerce, CRM

Hai un progetto in mente o vuoi migliorare o aggiornare i tuoi strumenti di business? Analizzeremo le tue esigenze definendo tempi, costi e benefici senza alcun impegno da parte tua.

Contattaci adesso, ti ricontatteremo noi.

Contattaci adesso