Warning: mysql_pconnect(): Headers and client library minor version mismatch. Headers:50562 Library:50644 in /var/www/vhosts/developideas.biz/httpdocs/Connections/mydb.php on line 12
Develop Ideas - Blog/News

Blog/News

Il robot RoboRaise osserva i bicipiti delle persone e le aiuta a sollevare oggetti

I ricercatori del MIT hanno messo a punto RoboRaise, un braccio robotico capace di aiutare un essere umano nei lavori manuali, seguendo i suoi movimenti. Il concetto è quello della collaborazione, che le persone in carne e ossa fanno in maniera naturale. Basti pensare, ad esempio, a due persone che trasportano insieme un oggetto pesante e ingombrante come un tavolo o un divano: coordinano istintivamente i movimenti, ricalibrandosi costantemente per assicurarsi che le loro mani siano alla stessa altezza.
 
Per i robot fare una cosa del genere non è scontato, in genere svolgono solo i movimenti per i quali sono esplicitamente programmati. RoboRaise è differente: è un sistema capace di collaborare in maniera fluida per aiutare un operaio a sollevare oggetti, monitorando i suoi movimenti muscolari. Ci hanno lavorati i ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del Massachusetts Institute of Technology, e l’hanno realizzato disponendo sensori elettromiografici (EMG) sui bicipiti e i tricipiti della persona da supportare. Gli algoritmi rilevano continuamente le modifiche che avvengono sul braccio della persona, oltre a piccoli gesti delle mani che l’utente potrebbe eseguire per un controllo motorio più preciso, e comandano al braccio robotico di agire di conseguenza.
 
I test hanno chiamato in causa diverse attività che prevedevano la raccolta e il montaggio di componenti sia rigidi sia flessibili. 10 utenti diversi hanno lavorato insieme al robot e sono stati in grado di farsi aiutare a sollevare e movimentare gli oggetti. La precisione raggiunta è stata all’incirca del 70 percento.
 
L’idea è di sfruttare in futuro RoboRaise per aiutare le persone nella produzione in azienda e nelle costruzioni, oltre che come collaboratori domestici. I ricercatori spiegano che “l’approccio al sollevamento di oggetti con l’aiuto di un robot dev’essere intuitivo e simile a quello che farebbe una persona, ossia imitando i movimenti degli altri e apportando le giuste correzioni”. La chiave di tutto è “l’uso di segnali non verbali che codificano le istruzioni sul da farsi, per esempio per spostarsi un po’ più in alto o più in basso”, oltre alla capacità degli algoritmi di correggere in tempo reale i movimenti del robot in modo da ottenere un movimento continuo. È un esempio lampante di “interazione uomo-robot in cui il robot si adatta all’umano, anziché che il contrario. In questo modo il robot diventa uno strumento intelligente per supportare nel lavoro fisico”.
 
I segnali dei sensori elettromiografici sono l’ideale per capire come si muoverà un arto: non sono invasivi e non ostacolano i movimenti, funzionano anche in ambienti molto rumorosi o in cui è difficile osservare direttamente la persona cui il robot lavora. In più percepiscono la tensione e il rilassamento muscolare con una precisione sufficiente per stimare come si sta per spostare il braccio.
 
Il prossimo passo nella ricerca è aggiungere più sensori muscolari e altri tipi di sensori che consentano al braccio robotico di svolgere compiti ancora più complessi.

Torna alle News

Dal nostro Portfolio

Vedi tutto

Vuoi un
preventivo?

Sviluppo siti web, app mobile, e-commerce, CRM

Hai un progetto in mente o vuoi migliorare o aggiornare i tuoi strumenti di business? Analizzeremo le tue esigenze definendo tempi, costi e benefici senza alcun impegno da parte tua.

Contattaci adesso, ti ricontatteremo noi.

Contattaci adesso